Wingsuit: record attuali

Wingsuit: record attuali



Gli wingsuits, le tute alari, di ultima generazione sono realizzati in morbido nylon elastico con delle prese d’aria per farli gonfiare in volo, creando membrane pressurizzate sotto le braccia aperte del pilota e fra le gambe. Un po’ come fa lo scoiattolo volante. Ma il modo di volare e le prestazioni che si possono ottenere dipendono sempre dalla persona. Non basta avere una macchina di F1 per essere un ottimo pilota… Nel paracadutismo convenzionale si possono raggiungere i 192 km/h, ma l’effetto che se ne ricava è di “caduta” continua, mentre con una tuta alare si può ridurre la velocità di discesa a 64 km/h aumentando significativamente la spinta in avanti. In pratica si ha l’impressione di volare in avanti come un aereo. Il record attuale di velocità per la tuta alare è di 361 km/h, che già sembra un dato fantastico, ma si sta puntando ad arrivare ai 450 km/h! I record, però, non si fermano alla sola velocità. Si sta cercando di lanciarsi dall’altitudine più alta possibile, magari utilizzando un Boeing C-17 Globemaster III da trasporto per farsi portare a 45.000 piedi (circa 14.000 metri). Se proprio non fosse possibile un C-17, potrebbe andar bene anche un pallone sonda, dicono gli esperti. Ma perché andare così in alto? Sempre per migliorare i record: altezza più distanza. Nell’agosto dello scorso anno si è raggiunta la distanza di 18 km dal punto di lancio partendo da un’altitudine di 6.000 metri, ma lo scorso maggio il record è stato superato partendo da 10.000 metri ed arrivando a circa 30 km di distanza. E per quanto riguarda il tempo che si rimane in aria? Ad oggi il record è di 8,4 minuti di volo.

 

tuta-alare-2