Wii U, l’importanza dei titoli di gioco

Wii U, l’importanza dei titoli di gioco



L’ultima console Nintendo non ha prodotto i risultati sperati e, anzi, le vendite continuano a essere basse. Ma la speranza per la casa nipponica e tutti gli affezionati al brand sta nella qualità dei giochi, che invece attirano sempre più commenti positivi.

Ammettiamolo, senza giri di parole: la Nintendo Wii U si è rivelata un flop. Anche gli ultimi dati di vendita confermano che, semplicemente, la console non attrae gli appassionati di videogiochi: certo, è stata superata la soglia di unità totali vendute dalla Sega Dreamcast (ovvero, 10,6 milioni di copie), ma questa non può essere certo la notizia in grado di risollevare umori, sorti e fatturato della società giapponese. Ben diversa, invece, la questione legata ai titoli di gioco, perché è qui che Nintendo ha sempre fatto la differenza: in fondo, chi non conosce Mario Bros?

Mario Kart 8

Boom di copie. Al 30 settembre, la console (ormai sul mercato da fine 2012) ha venduto 10,73 milioni di sistemi a livello globale (per fare dei paragoni, la precedente Wii aveva superato le 100 milioni di vendite, il Nintendo 3DS raggiunge quota 54 milioni), ma sono stati ben 12,37 milioni i giochi specifici per la Wii U acquistati dagli utenti nello stesso periodo, che hanno portato il totale a oltre 69 milioni di copie. A trainare il comparto è soprattutto sono soprattutto Mario Kart 8, che totalizza 5,87 milioni di unità, e Splatoon, una delle novità vincenti della casa, che ha raggiunto 2,42 milioni di unità vendute e “ha contribuito a vitalizzare la piattaforma Wii U”, come dicono dal Giappone. Andiamo dunque a vedere da vicino il segreto del successo di questi due titoli, facendo affidamento alle notizie che si trovano su www.everyeye.it, portale di tecnologia e gaming, che dedica una pagina specifica alla console Nintendo Wii U, con anteprime, recensioni e approfondimenti sui giochi e sulle novità.

La vetta più alta. L’esperienza di gioco più divertente e “spensierata” disponibile sul mercato: questa potrebbe essere la definizione migliore di Mario Kart 8, che unisce a tutte le caratteristiche vincenti dei suoi predecessori alcune interessanti novità. La più originale, e apprezzata, sono le sezioni anti-gravità, che trasformano automaticamente i kart e le moto guidati dai vari personaggi della celeberrima saga creata negli anni ’80 in sistemi volanti con propulsori, in grado di seguire i percorsi tracciati a velocità supersonica e a dispetto di ogni legge della fisica. Ma è tutto il pacchetto a rappresentare il livello più alto raggiunto dalla saga: la grafica (un cartone animato in CGI, ma con un livello di lucentezza e nitidezza di dettagli senza precedenti anche nell’animazione dei personaggi), l’ampia possibilità di scelta (16 differenti protagonisti più altri sbloccabili nel corso del gioco), miglior pacchetto audio e musicale, implementazione del gaming online (fino a 12 giocatori in contemporanea).

Mix originale. Può uno sparatutto in terza persona essere divertente e assumere toni da cartoon? Sì, e con successo, come testimonia Splatoon, il titolo di Nintendo Wii che al momento sta facendo segnare l’interesse più alto della comunità di gioco. Protagonisti sono dei calamari (esatto!), in grado però di potersi trasformare anche in esseri umani, e i loro avversari, polpi altrettanto mutanti: l’obiettivo della contesa, a colpi di armi che sparano vernice, è una preziosa fonte di energia. Una premessa che potrebbe sembrar folle, ma che invece, in mano agli sviluppatori di Nintendo, viene realizzata in maniera decisamente vincente, grazie al consueto studio per la grafica (molto colorata e fumettistica, in contrasto assoluto con i tradizionali giochi dello stesso genere) e, soprattutto, alla doppia modalità di storia. Se nel single player il gioco assume le caratteristiche quasi del platform, è nel multiplayer online che offre il meglio di sé, con la Turf War a otto giocatori (in cui conquistare la predominanza della mappa a suon di spari di vernice) e le Ranked Battles utili ad accrescere i propri punti esperienza e sbloccare contenuti aggiuntivi.