Vulcano pericoloso sotto controllo

Vulcano pericoloso sotto controllo



Il monte Paektu, 2.744 metri, è la più alta montagna coreana. E’ situato sul confine con la Cina, dove è chiamato Changbai, alla quale appartiene per due terzi. Il monte Paektu ha un significato speciale per i coreani: è infatti considerato il luogo natìo spirituale di tutto il popolo coreano. Questa montagna, come detto prima, è di origine vulcanica il cui cratere è occupato dal lago Tcheundji che misura 19.000 metri di superficie con una profondità di 230 metri.

Documenti storici e gli strati di cenere attorno all’area del Monte Paektu indicano che questo vulcano esplode mediamente ogni 100 anni o poco più. L’ultima volta è stato nel 1903. Circa 1000 anni fa, il vulcano ha scaricato pomice su 33 mila chilometri quadrati (un decimo dell’Italia). Le sue ceneri hanno raggiunto Paesi lontanissimi; sul Giappone ne caddero ben 5 centimetri. Per tutti questi motivi gli scienziati stanno monitorando il vulcano il quale ha un magma ricco di silicio che rende il diaframma molto resistente, in grado perciò di sopportare forti pressioni. Quando scoppierà potrebbe fare un bel botto! Negli ultimi mesi i ricercatori cinesi hanno osservato anomalie geofisiche, incluse temperature elevate di sorgenti calde e di deflazione provenienti dalla caldera. La maggior parte di loro, però, concordano sul fatto che non ci sono ancora prove certe di magma in risalita, il quale segnalerebbe una eruzione imminente.