Velocità del suono troppo lenta per gli atleti

Velocità del suono troppo lenta per gli atleti



Quante volte abbiamo visto gli atleti pronti sulla griglia di partenza, con i muscoli delle gambe pronti a spingere sui blocchi, le dita che sfiorano il terreno e le orecchie tese per carpire il “bang” di partenza. E qui sta il problema sollevato da tempo dagli atleti. Chi non è vicino all’uomo con la pistola, viene penalizzato dalla lentezza con cui si propaga il suono che dà il via alla gara (340 metri al secondo) perchè recepisce in ritardo il via. Sembra una sciocchezza, ma i centesimi di secondo fanno la differenza tra vincere o perdere. Pensa e ripensa, gli addetti ai lavori hanno pensato di utilizzare una pistola elettronica. Ed ecco che a Londra non si ode più il bang della pistola ma un suono elettronico che, comandato dalla elettro-pistola, si diffonde attraverso gli altoparlanti garantendo a tutti gli atleti parità di imput. Per la verità, non è la prima volta (già da alcune edizioni) ma si è dovuto intervenire col software per perfezionare il metodo e far sì che tutti gli atleti abbiamo realmente la stessa opportunità. I tempi di reazione degli atleti al “via” sono in media 130-140 millesimi di secondo, più o meno il tempo che ci mettiamo ad alzarci quando suona la sveglia. O no ?

Via