Ustionati dalle borse d’acqua calda per risparmiare

Ustionati dalle borse d’acqua calda per risparmiare



Un numero crescente di cittadini inglesi subiscono ustioni per colpa delle borse d’acqua calda, avvertono gli esperti. Sembra che le borse d’acqua stiano “tornando di moda” come alternativa al costo del riscaldamento. Ma se le borse sono rovinate o di bassa qualità possono procurare ustioni nel corso della notte che in alcuni casi richiedono interventi di chirurgia plastica per sostituire l’epidermide rovinata. I ricercatori della Anglia Ruskin University riferiscono che il numero di infortunati è aumentato sensibilmente negli ultimi due anni, ma che certamente sono molti di più quelli che si curano a casa senza andare al pronto soccorso. Uno dei motivi delle ustioni è che la gente sta comprando borse provenienti dai mercati esteri che usano gomma non abbastanza resistente. Comunque, il motivo di questo ritrovato uso è quello di risparmiare sulla bolletta energetica. Quentin Frew, della Anglia Ruskin University, ha detto: “Quello che abbiamo visto negli ospedali è solo la punta di un iceberg, in quanto la maggior parte di questi casi non vengono denunciati. La gente cerca di gestire da sola le ustioni perché spesso sono in imbarazzo per quello che hanno fatto o per la zona ustionata. Esaminando le ustioni, sembra che gli infortuni siano dovuti a cattivo materiale più che a incuria della persona”. I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di 50 pazienti che avevano subito ustioni e scottature da borse di acqua calda scoprendo che le lesioni hanno mediamente una prognosi di 25 giorni per guarire. In tre dei pazienti, tra cui due bambini, le ustioni erano talmente gravi da avere richiesto un trapianto di pelle. Lo scorso anno sono state ricoverate più di 1.800 persone per scottature da acqua bollente, compresi i casi da borsa di acqua calda.

Via