Una scoperta misteriosa nelle steppe di Volgograd

Una scoperta misteriosa nelle steppe di Volgograd



Un giornalista russo si è recato nel villaggio di Wet Olkhovka, regione di Volgograd, per dare un’occhiata ad antichi reperti che si diceva fossero uova di dinosauro. Non è un tipo che si impressiona facilmente ed è scettico per natura, ma non si aspettava di vedere uno spettacolo del genere. Subito ha pensato che fosse l’ultimo espediente per attirare turisti in quell’area del sud della Russia, ma ha dovuto ricredersi dopo aver parlato con la gente del posto. Gli hanno riferito che, dopo un violento nubifragio, è franato il costone di un burrone mettendo in vista una serie di queste sfere che gli abitanti hanno chiamato subito “uova di dinosauro”. Ma dopo un esame ravvicinato delle misteriose sfere, ha capito che non potevano essere uova. La dimensione è la stessa per tutte, circa un metro di diametro, e sono composte da silice e metallo: niente a che fare, perciò, con le uova. Alcune presentano un avanzato grado di corrosione che ha fatto emergere un reticolo di metallo; questo esclude, ancora una volta, che sia stato in origine un prodotto organico. Alcune erano spaccate ed all’interno si trovava una miscela di sabbia fine e metallo in granuli. Tornata in ufficio, ha fatto una ricerca su internet per vedere se il fenomeno era censito ed ha scoperto che in diverse parti del mondo si trovano queste sfere. La composizione è la stessa ed anche la dimensione. Continuando la ricerca, ha scoperto che  oggetti simili sono stati trovati in diversi luoghi della Terra, in particolare in Kazakhstan e Nuova Zelanda. Il nome scientifico di queste uova è “concrezioni”. Un’ipotesi, più plausibile delle uova di dinosauro ma non convincente, è che siano state formate in seguito ad eruzioni vulcaniche. L’area di Volgograd milioni di anni fa era coperta dalle acque. Un vulcano sottomarino potrebbe aver eruttato lava che, raffreddata dall’acqua, si sarebbe solidificata prendendo la caratteristica forma ad uovo (questo giustificherebbe il metallo presente). Già meglio dell’ipotesi dei dinosauri, ma ci sono alcuni perché. Come mai sono tutte della stessa dimensione e perché sono riunite in uno stesso luogo? Se fossero state sparate da un vulcano avrebbero dovuto sparpagliarsi tutt’intorno. In conclusione, quella visita non gli ha consentito di dare risposte ma di accumulare un mistero in più.

Via