Una scala impossibile

Una scala impossibile



Da 140 anni si regge sul… nulla!

A metà del1800, alcune Suore decisero di installarsi nel sud-ovest degli Stati Uniti. Si fermarono nel Nuovo Messico, a Santa Fè. Cercarono aiuto da subito per costruire un convento e la relativa chiesa. Una ventina di anni dopo, nel 1873, il convento, il collegio e la chiesa erano terminati. La chiesa, molto carina per quei tempi, era stata costruita in stile gotico ed aveva dimensioni di tutto rispetto: m (23 x 8) di pianta e m 26 di altezza. Un famoso architetto intervenne nella progettazione, ma nessuno si accorse che ci si era dimenticati di costruire una scala che raccordasse il piano terra con il soppalco del coro! Ormai non c’era posto per una rampa di scale, che sarebbe risultata lunghissima, né per una tromba di scale che avrebbe deturpato la navata oltre a risultare ingombrante. Furono interpellati diversi carpentieri, ma nessuno fu in grado di proporre una soluzione. La Superiora prese una decisione: avrebbero chiesto aiuto al più noto dei carpentieri cristiani. Iniziarono così una novena a San Giuseppe, il falegname di Nazareth. Il nono giorno si presentò un anziano dicendo di essere falegname e di voler costruire la scala. Le suore accettarono. L’uomo tornò con un martello, una sega ed una squadra. Utilizzando legno di sua fornitura, in tre mesi portò a termine da solo una bellissima scala a chiocciola; dopo di chè se ne andò senza chiedere un soldo.  Ma la scala risultò da subito misteriosa. Architetti e carpentieri intervenuti per testarla, s’avvidero che non era stata usata né colla né chiodi. Inoltre, incomprensibile per loro, non aveva una colonna centrale per reggersi. Tutta ad incastro! Cercarono invano il costruttore, ma nessuno lo conosceva né lo aveva mai visto prima.
La chiesa con la sua scala è tutt’ora esistente. E’ composta da due giri di gradini da 360° che, in pratica, scaricano tutto il loro peso sul primo gradino. Anche il legno utilizzato non è di quelli reperibili nella zona. Fatto sta che, pur essendo ormai 140 anni che la gente va su e giù da questa scala che tutti ritengono miracolosa, non è ancora presente nessun segno di usura sui gradini. La media dei visitatori è di 250.000 l’anno. Ad aumentare  la convinzione che sia opera del padre putativo di Gesù concorre anche un altro particolare: i gradini sono 33.