Una carriera non ancora conclusa

Una carriera non ancora conclusa



Arnold Schwarzenegger (65 anni il 30 luglio scorso) non ha intenzione di abbandonare i suoi fans. Dopo quasi un decennio ha deciso di tornare sul set e di riaccendere la sua carriera come star di Hollywood. Ha già girato tre film, tra cui “The Expendables 2”, ed ha firmato per altri 3 fra i quali un nuovo episodio di “Terminator” per il quale si è incontrato di recente con il regista James Cameron ed il produttore Megan Ellison. Il pubblico aveva sottovalutato, nel 1968, questo bodybuilder con accento austriaco che voleva fare l’attore, ma anche oggi, dopo un decennio sabbatico, non sarà facile riprendere quando anche il tono muscolare si è rilassato in seguito all’impegno politico ed all’età. Nel maggio del 2011, dopo l’esperienza politica come 38° Governatore della California, ha dovuto ammettere di aver avuto un figlio da una governante ed è poi rimasto lontano dalle telecamere per diversi mesi. Ora vuol ricreare i suoi giorni di gloria. “Non ho bisogno di soldi”, ha detto prima di una recente apparizione promozionale a Camp Pendleton, una base della Marina a Los Angeles. I 29,3 milioni di dollari incassati per il suo ultimo grande ruolo in “Terminator 3: le macchine ribelli” sono impensabili per qualsiasi attore di oggi. Schwarzenegger è diventato un’icona internazionale con “Conan il barbaro”, che sfruttò la sua immagine di super-macho, e con ruoli comici come “Twins” e “Un poliziotto alle elementari”. Non ha mai preso un Oscar per la sua recitazione, ma è sempre stata un grossa presenza sullo schermo. Gli sono state proposte alcune carriere politiche per il futuro, ma Schwarzenegger preferisce Hollywood anche se non è certo conosciuto come un ambiente di lavoro accogliente e solidale; per lui, però, sembrerebbe un porto sicuro in confronto alla politica. Il suo spirito è sempre uguale. Durante un ricevimento privato alla base di Pendleton, Schwarzenegger è rimasto affascinato da un blindato da 14 tonnellate in uso ai marines, una specie di grosso Hammer grande quanto una villetta. Gli piacerebbe usarlo per fare un giro per Los Angeles e vedere la faccia del parcheggiatore quando gli direbbe, buttandogli le chiavi: “Parcheggiala, torno subito!”.

Via