Un tesoro da favola.

Un tesoro da favola.



Questa sì che è caccia al tesoro!

Una squadra americana di cercatori di tesori, la Odyssey Marine Exploration, è riuscita ad individuare il punto in cui si è inabissato un mercantile inglese colpito da un sottomarino nazista durante l’ultima guerra mondiale. Il Gairsoppa, il mercantile di cui stiamo parlando, è colato a picco nel 1941 al largo dell’Irlanda portandosi dietro una ottantina di persone. Era partito nel 1940 da Calcutta alla volta dell’Inghilterra. Viaggiava con scorta armata ma, arrivati in prossimità della méta, una violenta tempesta lo ha separato dalle navi della scorta. Ne ha approfittato l’U 101, comandato da Ernst Mengersen, un ufficiale pluridecorato tedesco. Degli 83 membri di equipaggio se ne salvarono inizialmente 3, ma dopo 13 giorni alla deriva sopravvisse solo il secondo ufficiale. Trasportava tè, ferro e una ingente quantità di argento stimato in circa 200 milioni di euro al valore attuale. Proprio come pensate: non è per il tè che lo stavano cercando. Questo tesoro è adagiato a 5.000 metri di profondità e attende da 70 anni che qualcuno ben equipaggiato (ogni 10 metri d’acqua la pressione aumenta di una atmosfera) lo vada a recuperare. I ragazzi della Odyssey prevedono di essere pronti per la prossima primavera. Su mandato del Governo inglese metteranno in atto uno dei recuperi più difficoltosi ma certamente anche tra i più ricchi mai effettuati. Questa sì che si può chiamare “Caccia al tesoro”.