Un pianeta orfano tutto solo nello spazio

Un pianeta orfano tutto solo nello spazio



Gli astronomi hanno scoperto un pianeta che vaga liberamente nello spazio senza girare attorno a nessuna stella. Il pianeta, nome in codice CFBDSIR2149, è da 4 a 7 volte la massa di Giove e sta attraversando lo spazio ad una distanza, relativamente vicina a noi, di 100 anni luce. Gli astronomi hanno a lungo teorizzato la possibilità che esistessero dei pianeti fluttuanti liberamente, ma questa è la prima volta che sono in grado di confermare la loro esistenza. Dai calcoli dettagliati effettuati dal team di scienziati canadesi e francesi  risulta che il pianeta è relativamente giovane, tra i 50 e 120 milioni di anni, ed ha una temperatura superficiale di 400 gradi. Tutti sono concordi che questo pianeta non era mai stato individuato in passato. Un’indagine congiunta tra gli astronomi che lavorano al Canada-France-Hawaii Telescope e al Very Large Telescope in Cile gestito dalla European Southern Observatory ha portato a una stima precisa dell’età del pianeta, un fatto chiave che ha escluso la possibilità che possa essere una nana bruna. “Negli ultimi anni sono stati identificati numerosi oggetto di questo tipo, ma la loro esistenza non può essere stabilita senza una stima scientifica della loro età”, ha detto Jonathan Gagné dell’Università di Montreal, “e gli astronomi non sapevano se classificarli come pianeti o nane brune. Le nane brune sono quelle che potremmo chiamare “stelle fallite”, perché non riescono ad innescare reazioni nucleari nel loro nucleo”. Il pianeta solitario sembra far parte di un più ampio gruppo di circa 30 giovani corpi, tutti con una composizione simile, che si muovono insieme nello spazio. Questo ha aiutato gli scienziati a individuare l’età del pianeta CFBDSIR2149. C’è chi teorizza che il pianeta possa essere stato scagliato lontano dalla sua iniziale stella durante le prime fasi della sua formazione. “Questi oggetti sono importanti, in quanto possono aiutarci a capire di più su come i pianeti possano essere espulsi dai sistemi planetari, o come dei corpi leggeri possano andare alla deriva durante la loro formazione”, spiega Philippe Delorme della Joseph Fourier University di Grenoble. “Se questo piccolo oggetto è un pianeta che è stato espulso dal suo sistema nativo, rievoca l’immagine suggestiva di un pianeta orfano che viaggia alla deriva nello spazio…” ha detto il dottor Delorme.

Via