Ultime da Chernobyl

Ultime da Chernobyl



Secondo La Pravda e l’Agenzia di stampa Ria Novosti, ieri sarebbe avvenuta la caduta parziale di muri e del tetto di contenimento di una struttura presso la centrale di Chernobyl (Ucraina). I danni interessano una superficie di 600 mq e sono stati causati dal peso della neve e non interesserebbero il vero e proprio scudo fatto a protezione del generatore. La stampa riporta che non ci sarebbero variazioni di ordine radiologico. Il reattore n° 4 di Chernobyl è esploso nella notte del 25/26 aprile 1986 causando il più grande disastro, finora, nella storia del nucleare civile (foto sotto). È stato costruito velocemente un primo sarcofago in cemento armato nei mesi successivi allo scoppio (foto sopra), ma la struttura si è deteriorata nel tempo e non garantirebbe più il controllo delle radiazioni. Un nuovo manto in cemento e metallo, alto 108 metri, è iniziato nell’aprile del 2012 e non sarà completato prima del 2015. Il costo dell’operazione si aggira su 1,5 miliardi di euro. Dopo questo crollo i lavori sono stati sospesi e riprenderanno quando si avrà la certezza che non esiste inquinamento. La struttura crollata potrebbe aver messo in circolo delle particelle contaminate rimaste imprigionate per tutti questi anni nella struttura. Inoltre attendono dalle autorità ucraine la conferma che non ci sono altri pericoli di crolli dovuti al peso della neve.  

Via