Tumore della pelle: come scoprirlo da soli

Tumore della pelle: come scoprirlo da soli



Il 90% dei tumori della pelle sono visibili ad occhio nudo, senza bisogno di risonanze, TAC o altri particolari esami. Quindi, perchè andare sempre in clinica per ogni dubbio? A questo proposito l’Università del Michigan ha creato un’applicazione per iPhone che permette di controllare da soli eventuali presenze sospette sulla pelle. Bisogna solamente scattare 23 foto nude del proprio corpo con lo smartphone. É vero che le celebrità e politici ci insegnano che avere proprie foto nude sul cellulare non è una buona idea, ma questa volta è per una buona ragione e le foto non sono affatto sexy. Con questa operazione, i creatori di UMSkinCheck pensano di contribuire a ridurre i costi sanitari perchè la persona stessa viene messa in grado di capire se valga la pena di farsi visitare oppure no. L’applicazione software offre un questionario per la valutazione dei rischi, esempi di come possono essere i melanoma cattivi e la possibilità di confrontare periodicamente lo stato della propria pelle per riscontrare eventuali anomalie. Se si riscontra che alcune caratteristiche stanno cambiano, è il caso di abbandonare la diagnosi fai da te e farsi vedere da un medico. In questo caso, è possibile utilizzare le immagini per dimostrare esattamente come la lesione si è sviluppata da quando ve ne siete accorti. Scusate se è poco. Ovviamente non si possono riprendere le 23 foto da soli, ma ci si deve far aiutare da una persona fidata e poi trovare una password a prova di hacker. Il tumore della pelle non è cosa da sottovalutare né da considerare solo quando è troppo tardi. Le statistiche del National Cancer Institute dicono che quest’anno ci saranno negli USA almeno 2 milioni di nuove diagnosi di carcinoma a cellule basali e squamose della pelle. Dare alle persone la possibilità di intercettare sul nascere queste anomalie fa segnare punti di merito alla tecnologia. Il dottor Lynn Schuchter dell’Università della Pennsylvania, specialista sul cancro della pelle, ricorda che la diagnosi precoce di un carcinoma a cellule basali e squamose della pelle (che richiede anni per progredire e raramente si trasforma in metastasi) non è di importanza vitale. Per il melanoma, invece, la diagnosi precoce fa la differenza nel salvare vite umane.

Via