Troppo seduti fa male

Troppo seduti fa male



Siete seduti comodamente? Beh, fareste meglio a stare in piedi. Stare seduti sembra essere un pericolo in più per la salute. Secondo uno studio pubblicato questa settimana, stare seduti per molte ore di fila aumenterebbe il rischio di diabete, di malattie cardiache e porterebbe a morte prematura. La ricerca, eseguita presso l’Università di Leicester (Inghilterra) e pubblicata sulla rivista Diabetologia, ha tirato le somme sui risultati di 18 precedenti studi che hanno coinvolto complessivamente 800.000 persone. É stato riscontrato che rimanere seduti a lungo raddoppia il rischio di diabete e malattie cardiache (senza parlare dei problemi dovuti alla postura); il rischio non è minore per quelle persone che praticano regolarmente esercizio fisico dopo una giornata passata seduti. Stare seduti è un’attività a basso consumo di energia e l’organismo è portato a pensare che abbiamo necessità di risparmiare energie. Quindi, il corpo diventa resistente all’insulina (con conseguente aumento di glucosio nel sangue), riduce i livelli di colesterolo buono e aumenta il livello di quello cattivo. Tutti questi cambiamenti aumenterebbero il rischio di obesità, diabete e malattie cardiache. Gli autori della ricerca fanno notare che gli adulti trascorrono in media dal 50 al 70% del loro tempo stando seduti, che sia al lavoro, guardando la televisione o al computer. Queste attività consumano solamente 1 MET (equivalente metabolico) dell’energia da disperdere. Camminare dissipa 4 volte di più energia che stare seduti. Cosa si potrebbe fare? Si potrebbe mettere la sveglia per trovare, ogni tanto, un’ora di tempo per fare una camminata. Invece di mandare una mail al collega che sta in un altro ufficio, andare di persona a parlare. Lasciar perdere gli ascensori e usare le scale. Durante un incontro, alzarsi ogni tanto e muoversi per la stanza. Cercare di non trascorrere il tempo libero serale nel guardare solamente la televisione. Sono solo alcuni consigli; ognuno dovrebbe capire come fare del movimento durante il giorno in base alle proprie occupazioni per consumare energie e mantenere il corpo efficiente.

Via