Tornare a vedere

Tornare a vedere



È una piccola rivoluzione. La tecnologia di Argus II è passata alla fase applicativa e potrà far sognare. A 36 pazienti francesi ciechi sarà effettuato il rivoluzionario impianto, secondo un programma interamente finanziato dal Ministero della Salute francese. Solo 110 persone al mondo beneficeranno di questa innovazione. Nelle ultime settimane due pazienti sono stati operati con successo a Parigi ed un altro a Strasburgo. Presso l’ospedale universitario di Bordeaux un uomo di 72 anni ed una donna di 70 hanno già ricevuto l’impianto, mentre una terza persona lo riceverà in questi giorni. Il sistema di protesi retinica Argus II è un concentrato di tecnologia: una fotocamera in miniatura inserita negli occhiali del paziente trasmette le immagini attraverso la montatura ad un’unità di elaborazione video e ad un’antenna che invierà (wireless) le informazioni ad una piastra di elettrodi posti sulla superficie della retina. Le immagini vengono trasformate in impulsi che vanno a sollecitare le cellule retiniche. Il paziente riceve una serie di lampi che deve imparare a interpretare. Dopo l’impianto è previsto un periodo di riabilitazione di due anni. I medici sono ottimisti. Ci sono pazienti che sono già in grado di distinguere le ombre delle persone che li circondano. Uno riesce a distinguere il portaoggetti sul tavolo ed un olandese è tornato alla sua vecchia passione: il tiro con l’arco! E siamo solo agli inizi.