Torcia elettrica alimentata dal calore del corpo

Torcia elettrica alimentata dal calore del corpo



Alla tenera età di 15 anni, la liceale canadese Ann Makosinski ha progettato e costruito una torcia elettrica alimentata dal calore del proprio corpo. La sua torcia elettrica, denominata Hollow, le ha assicurato un posto nella finale della Google Science Fair, riservata ai ragazzi di 15-16 anni, davanti a migliaia di partecipanti provenienti da 100 Paesi. La torcia a LED genera luce sfruttando la differenza di temperatura. Come? La pila è costituita da una cilindro cavo che sulla parte anteriore alloggia i LED. Quando la si vuole attivare, basta prenderla in mano avvolgendo l’involucro esternamente con le mani (prima fonte). L’aria che passerà all’interno del cilindro per raffreddare il calore indotto dalle mani sarà la seconda fonte. La differenza di temperatura fra le due pareti alimenta i LED. Makosinski ha costruito due diverse torce. Per la prima ha utilizzato un tubo di alluminio, buon dissipatore di calore grazie alla sua elevata conducibilità termica, e per la seconda ha usato un tubo in PVC.  Entrambi i modelli funzionano meglio, ovviamente, quando la differenza tra la temperatura ambiente e la temperatura corporea è maggiore, ossia quando fa più freddo. Con la temperatura esterna di 10 °C la torcia funziona, ma se la temperatura scende a 5°C i LED si illuminano ancora di più. La ragazza assicura che la torcia mantiene un fascio di luce costante per 20 minuti e che funziona anche con temperature più alte. La torcia le è venuta a costare circa 20 euro, ma il premio a cui ambisce è di 50.000 dollari ed un viaggio premio alle Galapagos.

Via