Test HIV: come farlo da soli

Test HIV: come farlo da soli



Il test per l’ HIV da farsi da soli in casa è stato da poco approvato in America dalla FDA, che sta per Food and Drug Administration (Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali). Ora, le persone che temono di poter essere state contagiate per ragioni di lavoro o per contatti possono diagnosticarsi da sole se hanno contratto o meno la malattia. Non è una cosa da poco, perchè sono molte le persone che, per vari e personali motivi, non controllano questa eventualità e poi devono correre ai ripari quando è troppo tardi. Il test, chiamato OraQuick e realizzato in Pennsylvania, funziona rilevando gli anticorpi generati dall’organismo come risposta alla presenza del virus HIV-1 o HIV-2. Nella confezione è presente un tampone piatto che l’utente deve bagnare passandolo sulle gengive superiori e inferiori. Il tampone viene quindi posto in una fiala sviluppatrice per una mezzoretta dopo di che, come per un test di gravidanza, si formano una o due linee: una linea = nessun problema, due linee = presenza di anticorpi per HIV-1 e / o HIV- 2. Oltre alla saliva, il test può essere utilizzato, volendo, per prelevare una goccia di sangue punturandosi un dito. Questo test è in uso alle Cliniche americane da 10 anni, ma solo ora viene dato il permesso di usarlo privatamente. Infatti, nonostante il test non sia né doloroso né invasivo, sono molte le persone che non si vogliono sottoporre alla diagnosi. Dando a tutti la possibilità di farsi da soli un controllo, la FDA spera di intercettare molti più infettati di quanto si riesca a farlo ora. Negli USA si stimano in 1.200.000 le persone con l’ HIV, ma solo 240.000 ne sono a conoscenza in seguito a test o all’aggravarsi della malattia. Il test ha un’affidabilità del 99,98%, sbagliando in un caso su 5.000. La confezione sarà presso supermercati e farmacie a partire dal prossimo ottobre ad un costo di 34 dollari (sui 27 euro), oppure rivolgendosi alla Società produttrice.

Via

 

 

Categorie Salute