Sviluppato nuovo vaccino contro il fumo

Sviluppato nuovo vaccino contro il fumo



Smettere di fumare è davvero difficile, anche con l’aiuto di farmaci. Solo il 25 per cento delle persone che ci provano rimane senza fumo per sei mesi. Questo perché la nicotina è una delle sostanze che creano più dipendenza. Per aiutare coloro che cercano di smettere, gli scienziati cercano da tempo di individuare un vaccino che attacchi le molecole di nicotina prima che arrivino al cervello, eliminando il loro effetto e di conseguenza il desiderio di fumare. Alcuni vaccini sono stati già immessi sul mercato, ma sono risultati efficienti solo per il 30% delle persone che lo hanno utilizzato. Ora i ricercatori del Scripps Research Institute (California) hanno sviluppato un vaccino più efficace contro la nicotina, secondo uno studio pubblicato di recente sul Journal of Medicinal Chemistry. Gli stessi scienziati della Scripps avevano già individuato un trattamento risultato blando, ma con le recenti modifiche è risultato del 60% più efficace nelle cavie. Il lavoro continua per migliorare ulteriormente il vaccino riducendo il tempo di avviso del sistema immunitario della presenza di nicotina nell’organismo e consentendo un intervento tempestivo. Anche se non è ancora disponibile sul mercato, questo vaccino sembra essere veramente efficace. Inoltre, il suo modo di lavorare potrebbe essere utile anche in presenza di oppiacei e rivelarsi quindi un valido aiuto nella lotta alla tossicodipendenza. Speriamo.