Stephen Hawking alla ricerca di vita extraterrestre

Stephen Hawking alla ricerca di vita extraterrestre



Il famoso astrofisico britannico Stephen Hawking, 73 anni, ha comunicato ieri a Londra di voler dare il via ad un progetto per la ricerca di vita intelligente extraterrestre. Supportato dal fisico e magnate russo Yuri Milner con un fondo di 100 milioni di dollari, il progetto denominato “Breakthrough Listen” durerà 10 anni e si presenta come il più ambizioso mai messo in atto finora per contattare intelligenze extraterrestri. “In un universo infinito, ci devono essere altre tracce di vita. Da qualche parte nel cosmo, probabilmente, altri stanno ascoltando”, ha detto Stephen Hawking annunciando il programma alla Royal Society Science Academy di Londra. “E’ giungo il momento di impegnarsi seriamente per trovare una risposta circa la vita oltre la nostra Terra. Abbiamo bisogno di sapere “, ha detto lo scienziato autore di opere sull’espansione dell’universo, i buchi neri e la teoria della relatività. Il nuovo metodo di ricerca, secondo Yuri Milner, raccoglierà più dati in un giorno di quanti ne vengano raccolti oggi in un anno con i mezzi attuali. L’area scrutata sarà dieci volte quella attuale, i sistemi cento volte più veloci e quintuplicate le frequenze radio. Rimane il fatto, dice uno dei leader del progetto il prof. Martin Rees, che è una grande scommessa. Collabora al progetto anche “Breakthrough Message”, che provvederà a preparare dei messaggi da inviare nel cosmo, in seguito, i quali descrivano chi siamo. “Può essere che a leggere le nostre referenze sia una civiltà superiore a noi di miliardi di anni, i quali ci considererebbero come noi consideriamo i microbi”, ha detto Stephen Hawking. Già altre volte aveva parlato della possibilità di sviluppi tragici per la nostra Terra, ricordando l’impatto degli spagnoli sugli Incas.
Stephen Hawking