Software americano prevede i furti.

Software americano prevede i furti.



Tempi duri per i ladri. La Polizia di Santa Cruz, California, lo sta utilizzando.

Non stiamo parlando del film “Minority report”, ma di una reltà. Nel mese di luglio 2010 la Polizia di Santa Cruz ha iniziato a sperimentare l’uso di un nuovo software che permette di evidenziare in quale zona della città sta per essere compiuto un furto. A realizzare questo programma è stato un team di cervelloni tipo quelli visti in “Oceans eleven”: due matematici, un antropologo e un criminologo. Hanno concepito un programma che tenga conto dei furti occorsi in una certa area calcolando le probabilità che si ripeta. L’idea è venuta al dott. George Mohler, un matematico di Santa Clara (CA), partendo dal fatto che i terremoti non sono prevedibili (in California ne sanno qualcosa) ma lo sono invece le scosse di assestamento. Ha pensato che, probabilmente, il presupposto poteva essere valido anche per gli accadimenti delittuosi. Da tempo la Polizia americana chiama hotspots (punti caldi) quelle zone nelle quali, per esperienza, prevedono il reiterarsi costante di reati. I ladri, infatti, ritornano sempre nei luoghi che sanno essere più vulnerabili. L’equipe del dott. Mohler, con l’aiuto della Polizia di Los Angeles, ha messo in pratica questo concetto. Ha diviso in quadrati di 20 km di lato l’area della valle di San Fernando nella quale erano accaduti 2.803 furti con scasso nel 2004. Ebbene, il software ha individuato il luogo esatto di un furto su quattro. La Polizia si è così convinta che, con l’aiuto del nuovo programma di prevenzione chiamato Pre-Cog, potrebbe anticipare il 25% dei furti con scasso. Attualmente la Polizia di Santa Cruz sta aggiornando quotidianamente Pre-Cog. Non sono ancora arrivati al punto di prendere i ladri con le mani nel sacco ma, incrementando il pattugliamento delle zone indicate dal prorgamma, hanno catturato 5 ladri nel mese di luglio. Il dato è ancora più confortante prendendo in esame il periodo dal luglio 2010 al luglio 2011: il pattugliamento nelle zone hotspot ha fatto calare i furti del 27%.

Non c’è che dire: tempi duri per i ladri!