Seri rischi per il cuore con lo stress da lavoro

Seri rischi per il cuore con lo stress da lavoro



Avere un lavoro molto impegnativo, con poco controllo su di esso, potrebbe essere una combinazione letale. Lo dicono ricercatori britannici che hanno analizzato 13 studi europei che riguardano quasi 200.000 persone. Ne hanno ricavato che lo “stress da lavoro” porterebbe con se il 23% di rischio per infarto e malattie coronariche; sempre meno, da solo, che per il fumo e l’inattività. La chiave di tutto, dice la British Heart Foundation, è il modo con cui viene affrontato lo stress conseguente al lavoro. Il team di ricercatori della University College London dice che tutti i lavori portano con se dello stress, ma questo è più marcato nei lavoratori meno qualificati. Un medico, pur con tutte le decisioni che deve prendere ogni giorno durante lo svolgimento del suo lavoro, risulterebbe meno stressato di un operaio che lavora su una linea di produzione in una fabbrica. Uno dei ricercatori, il professor Mika Kivimaki, dell’University College London, ha dichiarato: “I nostri risultati indicano che lo stress da lavoro è associato a un rischio iniziale modesto, ma che aumenta costantemente fino a sperimentare un primo evento di malattia cardiaca coronarica, come ad esempio un attacco di cuore. I fumatori, quando sono stressati, fumano ancora di più aumentando i rischi connessi; le persone che già fanno poco movimento tendono a farne ancora meno, rischiando problemi di peso che si riflettono poi sul cuore”. Lo stress sul lavoro dovrebbe essere, invece, uno stimolo a condurre uno stile di vita sano per bilanciare le parti.

Via