Segreti e Vaticano: la macchina del tempo di padre Ernetti.

Segreti e Vaticano: la macchina del tempo di padre Ernetti.



Messa a punto e operativa negli anni 50.

A tutti piacerebbe mettere il naso nel passato e poter chiarire tanti fatti. Film e romanzi ne hanno parlato e ne parlano, ma forse non sapete che la macchina del tempo è realtà. Si è fatto carico della ricerca padre Erminio Ernetti (1925-1994), benedettino, grande scienziato, musicista, esorcista (fu il maestro dell’esorcista padre Gabriele Amorth). Nei primi anni 50, coadiuvato da un pool di scienziati fra i quali Fermi e Von Braun, ha montato questa apparecchiatura che chiamò “cronovisore”, perchè permetteva di “vedere la storia” passata. Particolare interessante: tutto quello che vedevano veniva anche filmato in bianco e nero. Le prime prove furono fatte su Mussolini, poi su Napoleone e quindi su una commedia teatrale (il Thieste del drammaturgo greco Ennio) che veniva rappresentata nel secondo secolo avanti Cristo. Fu anche filmata la passione di Gesù fino alla sua resurrezione. Testimoni furono, fra gli altri, Pio XII, Presidenti della Repubblica, ministri e cardinali. Si capì subito che una macchina così era un pericolo per tutti: niente sarebbe più stato nascosto. Furono fatte pressioni da parte dei superiori di padre Ernetti perchè interrompesse le sperimentazioni. Nel 1964 il Vaticano ordinò di smontare il tutto e di archiviarlo. Anche se ci sono stati tanti detrattori, l’onestà, la competenza e la trasparenza di padre Ernetti non hanno permesso di scalfirne la credibilità. Impressionante la somiglianza del Cristo filmato durante la passione (col naso rotto) e quello commissionato dalla mistica Madre Speranza, per il santuario di Collevalenza, in base a come lei aveva visto Gesù sulla croce. Che fine hanno fatto i filmati?

La macchina del tempo del Vaticano – Il cronovisore di padre Ernetti – Prima Parte

La macchina del tempo del Vaticano – Il cronovisore di padre Ernetti – Seconda Parte