Scoperta un’insolita sepoltura Azteca

Scoperta un’insolita sepoltura Azteca



Gli archeologi messicani hanno trovato un nuovo e particolare luogo di sepoltura azteco nel quale lo scheletro di una giovane donna è circondato da ben 1.789 ossa umane. Si trova a 5 metri sotto la superficie del Tempio Maggiore di Città del Messico. E’ stato scoperto accanto ai resti di quello che potrebbe essere stato un “albero sacro” in un lato della piazza, il luogo più sacro della capitale azteca. L ‘Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dice che questo tipo di sepoltura è il primo trovato nel suo genere, perchè non risulta che gli Aztechi usassero sacrifici di massa o il seppellimento di ossa come mezzo per accompagnare nell’aldilà un membro di una famiglia importante. L’archeologa dell’Università della Florida Susan Gillespie, che non è coinvolta nel progetto, ha definito la scoperta “senza precedenti” per la cultura azteca. Ha detto che, quando i Maya sotterravano vittime sacrificali per accompagnare una salma reale, lo facevano con corpi interi, non con montagne di ossa differenti come in questo caso. Inoltre, salvo casi speciali, a differenza di altre culture pre-ispaniche gli Aztechi erano soliti cremare i membri di alto rango. Questo durante il loro governo, che è durato dal 1325 fino alla conquista spagnola del 1521. Alcune ossa mostrano quello che potrebbe essere il segno di un taglio sullo sterno e sulle vertebre, che potrebbe essere collegato all’usanza di estrarre il cuore alle vittime. Ma in questo preciso caso non devono essere state uccise sul posto, perchè le ossa sono sparpagliate e mescolate. Gli archeologi hanno trovato ammucchiati i teschi di sette adulti e tre bambini; le ossa lunghe, come i femori, costituivano un altro mucchio e per le ossa delle costole stesso sistema. L’antropologa Perla Ruiz, che ha coordinato gli scavi, suggerisce che le ossa possano essere state prelevate da precedenti sepolture e risepolte con il corpo della giovane donna. Ma perchè lo abbiano fatto non si sa ancora.

Via