Scanner rileva armi a distanza

Scanner rileva armi a distanza



Il New York Police Department sta lavorando con il Dipartimento della Difesa per sviluppare un dispositivo di scansione che permetta loro di rilevare armi da fuoco nascoste su una persona a 25 metri di distanza. Lo scanner utilizza onde terahertz ed il dispositivo funziona allo stesso modo di un rilevatore ad infrarossi. Queste onde possono passare attraverso materiale non conduttore, come carta o indumenti, ma sono bloccati da materiale conduttivo come può essere un pezzo di metallo (pistola, coltello, bomba ecc.). Quindi, se una persona ha un pezzo di metallo sotto la giacca la polizia ne vedrà la sagoma. Le onde passano anche attraverso legno e mattoni, perciò il dispositivo può eseguire la scansione anche attraverso i muri. Il prototipo che stanno testando rileva a 5 metri, ma sono certi di poter arrivare presto ai 25 metri. Attualmente il metodo per scovare armi nascoste nelle giacche e nei jeans è quello di fermare la persona e perquisirla. Secondo l’Associazione per i diritti civili di New York, l’88 per cento di queste perquisizioni non rileva nulla, procurando invece inconvenienti ed imbarazzo nella popolazione. Nel 2011, tuttavia, il NYPD ha individuato oltre 800 armi, tra cui un AK-47, attraverso le perquisizioni. Se la polizia fosse in grado di parcheggiare un furgone all’angolo di una strada ed eseguire la scansione dei passanti, la quantità di persone che verrebbero controllate aumenterebbe notevolmente. Ma, come fa presente l’Associazione per i diritti civili di New York, non tutti saranno felici di essere perquisiti senza nemmeno saperlo. Ci sono anche altri problemi: quante persone saranno fermate perché hanno con se un telefonino, in iPhone, un Android?

Via