Rivoluzionario polimero antiproiettile

Rivoluzionario polimero antiproiettile



Gli scienziati della Rice University in Texas hanno scoperto un nuovo super materiale polimerico che è più forte di una pallottola. Il nuovo composto è in grado di fermare la corsa di proiettili da 9 mm e sigillare i fori dietro di loro. Il portentoso polimero potrebbe rivoluzionare i giubbotti antiproiettile di  soldati e agenti di polizia, oltre a renderli più leggeri, carlinghe di aerei e pale di rotazione dei motori. Ned Thomas, il preside della George R. Brown School of Engineering  a Rice, si è fatto fotografare con in mano un dischetto del nuovo polimero che contiene alcuni proiettili appena sparati. “Il polimero ha effettivamente arrestato il proiettile e lo ha sigillato”, ha detto, “non ci sono danni rilevanti; il  materiale non è collassato, non si è incrinato. E’ ancora possibile vedere attraverso. Sarebbe un ottimo prodotto per parabrezza antiproiettile”. Come lavori esattamente il polimero è un mistero per gli stessi ricercatori. Presenta sia le caratteristiche di durezza del vetro e di elasticità della gomma, cosa che gli permette sia di fermare che di inglobare il proiettile. Guardando al microscopio, dove il proiettile colpisce il polimero il materiale si scioglie per poi rapprendersi inglobando e bloccando l’intruso. Questo significa che il materiale è robusto ma anche duttile, assorbe gli urti senza rompersi o piegarsi. Sembra veramente un portento.

Via