Ripescato il motore che ha portato gli uomini sulla Luna

Ripescato il motore che ha portato gli uomini sulla Luna



Il motore del razzo che ha portato uomini sulla Luna con le missioni Apollo è appena stato ripescato dal fondo dell’oceano. Il miliardario Jeff Bezos, CEO di Amazon e della società privata per voli spaziali Blue Origin, ha annunciato ieri che la sua squadra ha recuperato parti di un razzo Saturno V usato nelle missioni Apollo. Il potente Saturno, spinto da cinque motori F-1, è l’unico razzo ad aver portato degli uomini su di un altro mondo. Dopo circa due minuti dal lancio, il carburante terminava e questi motori venivano staccati per poi cadere in mare, fino ad ora non si è mai saputo che fine facessero questi “pezzi di storia”. Circa un anno fa, Bezos aveva annunciato che la sua squadra di ricerca aveva individuato dei motori F-1, appartenenti al razzo delle missioni Apollo, a 4,3 chilometri sotto la superficie dell’Atlantico. Il ripescaggio è avvenuto con veicoli comandati a distanza (ROV), non prima di aver scattato bellissime foto di quei reperti storici seduti sul fondo dell’oceano da 40 anni (sembrano foto scattate all’aperto e non 4 km sott’acqua). I pezzi recuperati sono sufficienti per ricostruire due motori F-1, anche se non è possibile conoscere a quale missione Apollo possano appartenere. Chissà, magari appartengono all’Apollo 11 che ha portato i primi uomini sulla Luna. I futuri lavori di restauro potrebbero rivelare questo dettaglio. Bezos spera che dopo il restauro uno dei motori possa essere esposto al Museo dell’aria di Seattle, dove ha anche sede Amazon. L’altro motore potrebbe andare al Smithsonian National Air and Space Museum di Washington DC.

Via