Rimesso in piedi il nonno di Tutankhamon

Rimesso in piedi il nonno di Tutankhamon



Una statua di Amenhotep III ( a destra nella foto) è stata ri-costruita dopo il terremoto che l’ha abbattuta circa 3.000 anni fa. L’enorme monumento di pietra, che misura 12,92 metri di altezza, è composto da 89 grandi frammenti e diversi pezzi più piccoli che insieme pesano più di 110 tonnellate. La statua, assieme a tante altre vestigia, era stata abbattuta dal grande terremoto del 1.200 a.C. ed ora gli archeologi hanno terminato di ricomporla e rimetterla dove era originariamente: alla porta settentrionale del tempio funerario di Luxor. È la più alta statua in pietra, assieme alla gemella, che raffiguri un faraone in piedi. I due famosissimi colossi di Memnon, che raffigurano lo stesso sovrano in posizione seduta, sono alti 21 metri. La statua mostra il faraone ritto in piedi con la corona bianca dell’Alto Egitto e con in mano un papiro recante inciso il suo nome. Alla cintura è fissato un pugnale, con testa di falco sull’impugnatura, che riporta il suo nome. Amenhotep III divenne sovrano d’Egitto all’età di 12 anni con la madre per reggente. Morì nel 1.254 a.C. circa e gli successe il figlio Amenhotep IV, meglio noto come Akenhaton nonchè padre di Tutankhamon. Luxor, una città di 500.000 abitanti sulle rive del Nilo, è letteralmente un museo a cielo aperto.  www.unexplained-mysteries.com