Pronti al trapianto di testa umana

Pronti al trapianto di testa umana



Roba da capogiro! Quest’anno, alla conferenza sulla chirurgia che si terrà negli Stati Uniti, verrà proposto il primo trapianto di una testa umana completa. L’annuncio vuole creare interesse nel progetto e radunare le migliori menti per superare questa nuova frontiera della medicina. L’idea non è nuova ed era stata proposta già nel 2013 dal dott. Sergio Canavero del Gruppo avanzato di neuromodulazione di Torino, il quale auspica che si possa estendere la chirurgia del trapianto a tutti gli organi gravemente ammalati, testa compresa. Ora sostiene che i maggiori ostacoli, come ad esempio la fusione del midollo spinale e come prevenire il rigetto della testa da parte del sistema immunitario, siano superabili e l’intervento potrebbe avvenire nel 2017. Il dott. Canavero prevede di annunciare il progetto alla conferenza annuale della American Academy of Neurological che si svolgerà ad Annapolis, Maryland, nel prossimo mese di giugno. Ma la società è pronta per un intervento simile? Il primo trapianto di testa è stato eseguito nel 1970 da Robert White presso la Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland, Ohio, il quale ha trapiantato la testa di una scimmia sul corpo di un’altra. Non si è provato ad unire il midollo spinale, per cui la scimmia non poteva muovere il proprio corpo, ma respirava con l’aiuto di un respiratore artificiale. È sopravvissuta per 9 giorni, finchè il sistema immunitario non ha “rigettato” la testa. Pochi altri trapianti di testa sono stati eseguiti, ma nel frattempo la chirurgia ha fatto passi da gigante. Secondo il dott. Canavero, quindi, tra due anni la scienza e la tecnologia chirurgica permetteranno di eseguire con successo un trapianto di testa umana. Il problema più grosso rimane quello della fusione del midollo, ma Canavero ha già eseguito degli esperimenti in merito che lo rassicurano. E non è solo a lavorare sui trapianti di testa. Il dott. Xiao-Ping Ren dwel Harbin Medical University, Cina, ha dimostrato di recente che è possibile trapiantare la testa ad una cavia di laboratorio. Ora tenterà di eseguire trapianti di testa anche su scimmie utilizzando il protocollo di Canavero. Auguri a tutti e due.