Nuovi sensori per misurare il glucosio senza bucarsi

Nuovi sensori per misurare il glucosio senza bucarsi



Gli scienziati hanno sviluppato un nuovo materiale a base di rame spugnoso per costruire sensori in grado di misurare il livello di zucchero presente nel sangue ricavando i dati dal sudore presente sulla pelle. Questo permetterebbe ai diabetici di misurare in maniera indolore il tasso di glucosio. Sono stati i ricercatori dell’Università di Wollongong (UOW) in Australia che hanno messo a punto questo nuovo sensore in grado di rilevare, velocemente e con precisione, gli zuccheri presenti in liquidi diversi dal sangue, come il sudore e le lacrime. Non è facile rendere poroso il rame, perché si ossida facilmente, ma i ricercatori hanno mescolato una soluzione liquida di rame con del polistirene creando delle palline poi rivestite di rame. Quindi, una luce UV scioglie il polistirene presente nelle sferette lasciando delle minuscole cavità all’interno delle sfere. La struttura che se ne ricava aumenta la superficie di contatto che serve a ricavare il segnale elettrochimico.  I nuovi sensori potrebbero essere montati all’interno di un braccialetto, ad esempio, ed avere una lettura continua dei valori di glucosio che, con modalità wireless, possono anche essere inviati al proprio medico. Il materiale a basso costo può risultare vantaggioso in aree remote dove è più difficile accedere a cliniche o specialisti.