Nanotecnologie e religione: un rapporto complesso

Nanotecnologie e religione: un rapporto complesso



Ci sono molti segnali che indicano come l’opinione pubblica sulle nanotecnologie possa essere determinata dalle convinzioni religiose. Nella fanta-storia di Halo, un gruppo di studenti musulmani discutono riguardo ad una striscia di pancetta prodotta da un “assemblatore molecolare”, un dispositivo in grado di produrre la carne direttamente dai singoli atomi invece di tagliare la carne di un animale. Dato che la carne di maiale è vietata dalle leggi dell’Islam, come sarebbe ritenuta una pancetta sintetica? Che sia ugualmente proibita? “La storiella può sembrare una burla, ma spiega le capacità della nanotecnologia di manipolare gli atomi generando anche questioni religiose”, dice Chris Toumey, un antropologo dell’Università del Sud California che ha studiato a fondo il rapporto fra nanotecnologie e fede. Ad esempio, un sondaggio del 2009 ha rilevato che il mix di religioni degli Stati Uniti non vede di buon occhio il sostegno finanziario alle nanotecnologie. Uno studio dello stesso anno ha rilevato che: più un Paese è religioso e meno la nanotecnologia viene moralmente accettata. “Fino ad oggi le religioni sono rimaste straordinariamente silenziose sul tema delle nanotecnologie”, sottolinea Toumey, “niente in confronto alle dure controversie bioetiche circa la fecondazione in vitro portate avanti dal mondo cattolico, per esempio. La nanotecnologia è un corpo eterogeneo di scienze e tecnologie ed alcune comunità di fede hanno abbastanza Università, o riviste, per esaminare una questione così complicata”. L’analisi di Toumey in base agli studi fatti sulle opinioni dei credenti ha trovato una preoccupazione condivisa da diverse religioni: che la nanotecnologia arrivi a rimodellare la natura umana. “Comunità di fede stanno reagendo alla rappresentazione della nanotecnologia fatta da un famoso gruppo di scrittori, chiamati transumanisti,” sottolinea Toumey. Il transumanesimo è una corrente culturale la quale pensa che la tecnologia (inclusa la nano) guiderà l’evoluzione umana artificialmente, eliminando le malattie, prolungando la vita a tempo indeterminato fino ad arrivare alla cyber-immortalità. Una seconda preoccupazione condivisa è la paura che la nanotecnologia possa togliere il controllo individuale della propria vita, senza il consenso della gente, o che possa fornire strumenti per una vita migliore solo ai ricchi. “Queste preoccupazioni fanno eco alle preoccupazioni generali dei credenti rispetto alla tecnologia in generale”, dice Toumey. I cristiani non cattolici esprimono la loro preoccupazione per l’arroganza umana. Per esempio, un autore paragona la nanotecnologia all’alchimia, mettendo in guardia sui pericoli del “controllo totale sulla capacità di trasmutare una sostanza in un’altra”. I musulmani prendono un percorso molto diverso: anziché discutere se la nanotecnologia sia giusta o sbagliata, discutono su chi abbia l’autorità per prendere una decisione. Gli ebrei inquadrano il dibattito nel racconto del Golem, una creatura di forma umana assemblata da uomini dotati di poteri religiosi o magici, il cui comportamento risulta utile o pericoloso nelle diverse circostanze, generando un fardello di responsabilità per gli uomini. “Credo che né la comunità scientifica né le comunità di fede siano pronte per un dibattito sulle nanotecnologie”, dice Toumey. “I credenti stanno ora reagendo alle idee stravaganti del transumanesimo, che in realtà hanno poco a che fare con la vera nanotecnologia. Farebbero bene a dedicare un po’ di attenzione alle nanotecnologie prima di prendere una decisione. D’altra parte, gli scienziati dovrebbero riconoscere che la religione può portare una riflessione costruttiva. Sarebbe meraviglioso se tutti conoscessero bene la nanotecnologia e che le decisioni fossero prese sulla base di queste conoscenze, ma purtroppo questo è estremamente improbabile”. Ma un confronto ci deve essere, ed allora anche qualcosa di così banale come una fetta di pancetta sintetica può innescare una sana discussione.

Via