N-acetilcisteina limita alcuni sintomi di autismo

N-acetilcisteina limita alcuni sintomi di autismo



Un supplemento antiossidante, già ampiamente usato, sarebbe in grado di ridurre alcuni dei sintomi di autismo nei bambini, riferisce uno studio pilota americano. Il supplemento – N-acetilcisteina (NAC)– avrebbe abbassato l’irritabilità nei bambini e ridotto comportamenti ripetitivi, come riportato sulla rivista Biological Psychiatry dai ricercatori della University School of Medicine di Stanford. Il team avverte, tuttavia, che solo 31 bambini sono stati coinvolti e che dovranno essere eseguite verifiche su più larga scala. Attualmente, irritabilità, sbalzi d’umore e depressione nei bambini autistici sono trattati con farmaci antipsicotici, ma questi farmaci possono avere effetti collaterali significativi, tra cui l’aumento di peso e la sindrome metabolica, che aumentano il rischio di sviluppare il diabete. Il NAC, invece, ha effetti collaterali molto più lievi per quanto riguarda appetito, costipazione, diarrea e nausea. I 31 bambini esaminati dal dottor Antonio Y. Hardan di Stanford hanno un’età che va dai 3 ai 12 anni. Metà dei bambini hanno ricevuto un placebo, mentre gli altri hanno assorbito 900 mg. al giorno di NAC per le prime 4 settimane; due volte al giorno le successive 4 settimane e 3 volte al giorno l’ultimo mese. Alla fine del test, i valori di riferimento sono scesi da 13,1 a 7,2. Il calo è inferiore all’azione degli antispicotici, ma ci sono stati meno effetti collaterali. É stata inoltrata domanda per un brevetto che ne consenta l’uso. Uno dei ricercatori ha una partecipazione finanziaria nella BioAdvantex, la società che ha fornito i farmaci per il test.

Via