Motore a cilindri opposti: 40 km/litro

Motore a cilindri opposti: 40 km/litro



Trenta anni fa l’ingegnere della Volkswagen Peter Hofbauer era intento a fissare un motore del Maggiolone in una camera di prova. Si chiedeva se non fosse stato possibile utilizzare lo stesso ingombro inserendo più pistoni. Si convinse che era possibile e costituì la Eco Motors per raggiungere quell’obiettivo. Fu così che la nuova Società iniziò la progettazione e costruzione degli O.P.O.C. (opposti pistoni opposti cilindri). Ogni motore OPOC è composto da due cilindri orizzontali ciascuno dei quali contiene due pistoni opposti. Avere due pistoni in un cilindro significa quasi raddoppiare la forza. Inoltre pesa il 30% in meno del più efficiente motore diesel equivalente e raggiunge la più alta efficienza termica fra i motori conosciuti, trasformando in propulsione il 50% dell’energia della benzina o del gasolio. Una piccola vettura equipaggiata con un motore OPOC può arrivare a percorrere 160 chilometri con meno di 4 litri di carburante (circa 40 km/litro). Lo scorso anno Bill Gates e il miliardario Vinod Khosla hanno investito 23 milioni di dollari nella Eco Motors e quest’anno la Compagnia ha firmato importanti contratti con la Navistar, una società cinese costruttrice di auto e camion. Presto verrà allestita una berlina con motore OPOC da 1.200cc. e 160 cavalli. L’ing. Hofbauer conta di mettere sul mercato la vettura entro 5 anni, prima che lo standard del motori presenti sul mercato arrivi a 20 km/litro.

Via Popsci