Moto o missile?

Moto o missile?



Correre in moto è sempre stato un piacere. Sentire l’aria che fascia il viso era una sensazione unica per i primi centauri. Poi le moto hanno aumentato le loro prestazioni ed è diventato necessario mettersi un casco per protezione e per poter respirare. Ma quello che sta cercando di fare Richard Brown ha più a che fare con la missilistica che con le moto! Nel 1999 ha frantumato il record di velocità su due ruote allora esistente raggiungendo i 584 km all’ora sulle saline di Bonneville, nel nord dello Utah (USA). Non ha però ottenuto il riconoscimento perchè la prova consiste in due corse nella direzione opposta. Purtroppo, la seconda prova è stata interrotta per problemi tecnici. Ora ha intenzione di provarci di nuovo e spera di essere la prima persona a superare i 720 chilometri all’ora su una moto, ottenendo una media fra le due prove di almeno 640 km/h. Con qualsiasi vecchia moto non ce la farebbe: ci proverà con un prototipo a propulsione jet. Sta modificando, per l’occasione, un motore di elicottero da 1.250 Hp sfruttando la rotazione delle pale per far girare le ruote. Non è un’operazione semplice e se sbaglia il minimo che gli possa capitare è di distruggere il motore. Per aumentare la potenza, ha pensato di mettere un posto-bruciatore nel tubo di scappamento; iniettando carburante si aumenterà la spinta. Ha installato anche un paracadute per aiutare la frenata, altrimenti c’è il rischio che faccia il giro del mondo… Il record oggi da battere è quello di 605 km/h raggiunti nel 2010 da Rocky Robinson con un veicolo che, più che una moto, sembrava un missile. Brown prevede di effettuare le prove con la sua moto a reazione Jet in un aeroporto del Regno Unito la prossima primavera e di tentare a superare il record a Bonneville nel 2013. “Il problema più grande – spiega Mark Chapman, ingegnere capo del Bloodhound – è la  presa d’aria. Bisogna essere sicuri che il flusso d’aria attraverso il getto sia stabile o la moto potrebbe imbarcarsi con conseguenze pericolose”. Buona fortuna!

Via