Migliaia di sfere misteriose nel Centro America

Migliaia di sfere misteriose nel Centro America



Negli anni quaranta una Società americana che trattava il commercio delle banane ha iniziato a ripulire la selva nel sud-est della Costa Rica per piantarvi banani. Durante l’operazione di disboscamento sono state rinvenute numerose sfere di pietra di diverse dimensioni. Ce ne sono di pochi centimetri di diametro fino a due e più metri, del peso di decine di tonnellate. La roccia è granito o andesite sedimentaria. Subito dopo la scoperta, l’archeologa Doris Stone ha condotto una serie di indagini per risalire all’età delle sfere e alla loro modalità di costruzione, ma senza arrivare a nessun risultato certo. Successivamente è stato proposto a Samuel K. Lothrop, esperto di civiltà indigena e archeologo, di svelare il mistero, ma non è arrivato a nessuna conclusione. Più di recente, gli archeologi hanno studiato i gruppi di sfere con i metodi più moderni, concludendo che sono state prodotte a partire da 3.000 anni fa. Secondo antiche leggende, all’interno sarebbero nascosti oro e pietre. Ovviamente molte sono state fatte saltare, ma all’interno non vi è nulla. Alcuni archeologi ritengono che le pietre siano state create dagli antichi e bellicosi Chibcha, utilizzando prigionieri di guerra come schiavi. Ma la loro forma è una sfera perfetta ed il materiale durissimo; risulta strano che possano essere state preparate da un popolo che usava le tibie umane come piolo per piantare i semi di mais… Inoltre sono presenti non solo in Costa Rica ma anche in altre aree del centro America e sono moltissime. Se ne possono ammirare anche nei giardini privati come decorazione o sui piazzali di banche e musei come monumento. Esiste anche una teoria che parla di rappresentazione astronomica, per cui inizialmente avrebbero fatto parte di una gigantesca carta geografica. Uno degli allineamenti rinvenuti dagli archeologi mostra il percorso che conduce direttamente a Cocos Island, poi alle isole Galapagos e, infine, all’Isola di Pasqua. Un secondo gruppo di rocce porterebbe alle isole di Giamaica, Cuba e Bermuda. Altre erano orientate verso Giza, in Egitto, e Stonehenge in Inghilterra. Altre teorie indicano questi manufatti come opera di essere provenienti da altri pianeti. Ma dopo tutti questi anni, ancora non si riesce a rispondere alle domande che si sono poste i primi scopritori: chi le ha fatte? Quando? A cosa servivano?

Via