Meduse: se non riusciamo a combatterle, mangiamole!

Meduse: se non riusciamo a combatterle, mangiamole!



Le  meduse sono sempre più presenti nei mari, come rileva la FAO, l’Organizzazione ONU per l’alimentazione e l’agricoltura, che cita alcuni esperti i quali evocano “un oceano di meduse” invece di “un oceano di pesci”. E continuano: “Se non riuscite a combatterle… mangiatele!”, come riferiscono sul rapporto pubblicato ieri nel quale consigliano anche di sviluppare prodotti alimentari a base di meduse. Un altro uso che se ne potrebbe fare è quello di utilizzare la varietà “Turritopsis nutricula”, la medusa immortale, per sfruttarne la capacità di invertire il processo di invecchiamento ed elaborare dei prodotti rigeneranti per gli umani, suggerisce ancora il rapporto di ieri. Per la FAO, il forte aumento della popolazione delle meduse può essere benissimo la causa della contrazione di numerose specie ittiche del Mediterraneo e del Mar Nero. La pesca eccessiva, che fa sparire i grossi predatori  marini, è un altro fattore che può spiegare la proliferazione delle meduse, innescando un circolo vizioso. Le meduse, infatti, si nutrono di larve e di piccoli pesci. Per definire i parametri per una pesca sostenibile, la FAO tiene conto solo di quanto pescano gli uomini. Le meduse stanno falsando questi dati, impedendo ai pesci di svilupparsi. Bisognerà tenere conto di questo fatto nella gestione dell’ecosistema. I danni causati dalle meduse alle risorse ittiche sono apparsi nei primi anni ’80 quando la medusa “Mnemiopsis leidyi”, una specie che vive normalmente nell’Oceano Atlantico, è stata accidentalmente introdotta nel Mar Nero dove ha avuto un effetto devastante sulla popolazioni ittica mettendo in ginocchio la pesca locale, secondo la FAO. Il problema è stato risolto con l’arrivo nel Mar Nero di un’altra specie invasiva, la “Beroe ovata”, che si nutre di meduse Mnemiopsis. Anche se le ragioni di questo fenomeno non sono pienamente comprese, probabilmente hanno a che fare col cambiamento climatico e con l’aumento di sostanze nutritive presenti nelle acque dei mari.

Via