Meditazione e preghiera sono un vero toccasana

Meditazione e preghiera sono un vero toccasana



Vi sentite giù? Provate, ma veramente, col canto o con la meditazione. Queste sono alcune delle tecniche di rilassamento che possono aumentare l’attività dei geni collegati a diversi processi benefici per la salute, e bastano solo alcuni minuti al giorno per vederne i risultati. Già recenti studi provano che queste attività portano a modifiche nel cervello, ma quest’ultima ricerca mostra che anche l’attività dei geni viene a cambiare. Questo potrebbe spiegare gli effetti benefici derivanti dalla meditazione, dalla preghiera, dallo yoga. “Non sono sciocchezze New Age”, spiega Herbert Benson del Massachusetts General Hospital di Boston. Lui e i suoi colleghi hanno analizzato i profili genetici di 26 volontari, nessuno dei quali meditava regolarmente, prima di insegnare loro una routine di rilassamento della durata di 10-20 minuti. Questa comprendeva parole/preghiere, esercizi di respirazione e tentativi di escludere i pensieri che affollano la mente. Dopo 8 settimane di questa pratica sono stati analizzati i geni dei volontari: grappoli di geni positivi erano diventati più attivi e quelli negativi avevano ridotto la loro interferenza. I geni potenziati portavano principalmente 3 benefici: miglioramento dell’efficienza dei mitocondri, maggior energia interna alle cellule e aumento nella produzione di insulina. Quest’ultima, in particolare, migliora il controllo della glicemia e previene l’esaurimento dei telomeri a protezione dei cromosomi, i quali mantengono stabile il DNA e ritardano i processi di invecchiamento. Mediante analisi del sangue, prelevato ai volontari prima e dopo la fase di rilassamento, è stato dimostrato che i cambiamenti genetici avvengono anche dopo pochi minuti di pratica. “Mi sembra però doveroso ritenere che, se si hanno risposte positive dopo pochi minuti di rilassamento, altrettanto dovrebbe accadere dopo uno stress o altre manifestazioni nocive”, dice Julie Brefczynski-Lewis della West Virginia University a Morgantown, che studia gli effetti fisiologici delle tecniche di meditazione. “Spero che questi risultati vengano accolti e le pratiche di rilassamento, canto, meditazione o preghiera che sia, siano praticate da sempre più persone”. Sono in molti a ritenere che le pratiche di rilassamento siano un valido aiuto per mantenersi la buona salute e per aiutare l’organismo a guarire in caso di malattia.

Via