L’Amla, migliorare la digestione con i prodotti naturali

L’Amla, migliorare la digestione con i prodotti naturali



In questi ultimi anni abbiamo riscoperto il valore della natura e dei prodotti che ci regala, come l’Amla, bacche di uva spina utilizzate tradizionalmente nella medicina ayurvedica, dagli importanti benefici per il nostro corpo.

amla 2

Presente in quasi la metà delle formule medicinali dell’antica tradizione Ayurveda, l’Amla sta trovando sempre più successo anche nella cultura occidentale. E basta leggere i benefici che il suo utilizzo comporta per capirne le motivazioni: ad esempio, questa pianta ricca di vitamina C migliora l’assorbimento degli alimenti, equilibra l’acidità di stomaco, fortifica il fegato, sostiene il cuore, regola l’eliminazione dei radicali liberi, aumenta la salute della pelle, elimina le tossine e agisce come antiossidante. Un miracolo? Non proprio, come vedremo: solo un sapiente uso dei prodotti naturali.

Alla scoperta dell’Amla. Tutto nasce dalla bacca dell’uva spina indiana, nota appunto come Amla, una pianta ricca di principi attivi, a cominciare da una forte concentrazione di Vitamina C. Questo frutto matura in autunno nelle zone umidi collinari e nelle foreste del subcontinente indiano, dove è considerato un albero sacro. La bacca è molto nutriente, ma ha un sapore aspro; può essere consumato dunque fresca o seccata e in abbinamento a vari prodotti, come è possibile vedere cliccando sul portale Shankara, dove è possibile visualizzare e acquistare questi preparati. La frutta fresca di uva spina contiene più di 80% di acqua, proteine, sali minerali, carboidrati e fibre, ma si può consumare anche come succo di frutta.

I principi attivi. Grazie alle sue proprietà l’Amla è diventata, come dicevamo, uno dei punti fermi dei trattamenti ayurvedici: i sapienti indiani hanno intuito da millenni la ricchezza dei principi attivi della pianta, che contiene al suo interno molti minerali e vitamine come calcio, fosforo, ferro, carotene e vitamina B Complex. Uno degli utilizzi più diffusi è come agente antiossidante, per contrastare il danno provocato dagli ossidativi, ovvero i temibili radicali attivi.

Un sostegno per la digestione. Una delle regole base dell’Ayurveda è il controllo dell’alimentazione per favorire l’equilibrio armonico del nostro corpo. A supportare questa delicata fase arriva appunto l’uva spina indiana, che serve anche per regolare l’attività metabolica, fornendo il giusto apporto di enzimi vegetali e favorendo l’assorbimento delle proteine. Inoltre, la pianta  riduce anche l’acidità, lasciando per di più un sapore gradevole al palato, ed è molto ricca di fibre, che aiutano a spostare il cibo attraverso l’intestino e a mantenere i movimenti intestinali regolari. Un apporto costante di fibre riduce le possibilità di costipazione, stimolando anche la secrezione dei succhi gastrici e digestivi. Insomma, il cibo viene digerito in modo efficiente, i nutrienti sono assorbiti in modo ottimale, e alla fine ci possiamo sentire più leggeri e sani.

Il Calcio e il diabete. Altro vantaggio notevole della presenza di vitamina C è il favorire l’assorbimento del Calcio, una componente essenziale delle nostre ossa, denti e unghie, nonché fattore importante per assicurare la lucentezza della nostra capigliatura. Il cromo contenuto nelle bacche, invece, può avere un valore terapeutico per i pazienti diabetici, perché stimola il gruppo isolato di cellule che secernono l’ormone dell’insulina, riducendo la presenza di zucchero nel sangue e consentendo ai pazienti di mantenere il proprio corpo sano ed equilibrato. Il cromo aumenta anche l’effetto di beta-bloccanti, che sono utilizzati per la salute del cuore, riducendo il contenuto di colesterolo nocivo nel corpo.

Attenti al cuore. Come appena scritto, riducendo l’accumulo di colesterolo in eccesso, il cromo può ridurre le probabilità di aterosclerosi, o l’accumulo di placche nei vasi e arterie. Questo significa contrastare le probabilità di ictus e attacchi cardiaci. Allo stesso tempo, il contenuto di ferro dell’Amla promuove la creazione di nuovi globuli rossi, aumentando la circolazione e l’ossigenazione di organi e cellule per massimizzare la crescita e la rigenerazione dei tessuti, mantenendo puliti i vasi sanguigni e le arterie.