La notizia di vita extraterrestre potrebbe distruggere le religioni?

La notizia di vita extraterrestre potrebbe distruggere le religioni?



Scoprire che esiste vita, tanta e varia, oltre la nostra Terra potrebbe intaccare la nostra presunta centralità ed importanza nell’universo, ma non metterebbe in pericolo le religioni organizzate, dicono gli esperti. Nonostante le scoperte degli ultimi secoli che hanno dimostrato non essere la Terra al centro dell’universo, con tutti gli astri che le girano attorno riverenti, con il Cielo sopra e l’Inferno sotto, e che gli organismi del nostro pianeta sono frutto di evoluzioni durate miliardi di anni, la fede religiosa rimane pressochè forte in tutte le parti del mondo. Quindi, è probabile che rimanga tale anche quando sarà innegabile la vita altrove, dicono sempre i ricercatori. Gli scienziati hanno già individuato più di 700 pianeti oltre il nostro sistema solare, e molte altre migliaia attendono conferma man mano che proseguono le osservazioni. Alcuni di questi pianeti extrasolari sono piccoli e rocciosi, come la Terra, e orbitano attorno alla loro stella ad una distanza tale da permettere la presenza di acqua liquida in superficie. Inoltre, dalla notizia che non siamo soli nell’universo non ne deriverebbe probabilmente uno shock planetario, perché un gran numero di persone sono già convinte che ET è là fuori da qualche parte. Un recente sondaggio americano  rileva che la maggior parte degli intervistati crede che esistano altre umanità nell’universo. Ogni tanto i terrestri vengono messi alla prova; nel secolo scorso i canali di Marte sono stati accettati come chiara evidenza di una civiltà intelligente sul Pianeta Rosso. A metà degli anni 90 gli scienziati hanno annunciato la scoperta di microfossili nel meteorite marziano noto come ALH 84001. Avvistamenti di UFO sono ormai difficili da negare, ma le religioni tirano diritto per la loro strada. Probabilmente, non è il bisogno di sentirsi creature uniche, unici bambini di Dio, che porta avanti la fede nell’uomo ma la ricerca del divino, del dopo. Che poi sia tutto da condividere con miliardi di altri esseri dalle forme fisiche più strane non è un problema, anzi, più saremo e più grande sarà la festa.

Via