Isola sbucata dal fondo dopo il terremoto

Isola sbucata dal fondo dopo il terremoto



Un terremoto di magnitudo 7,7 sulla scala Richter ha scosso martedì 24 settembre la regione del Baluchistan nel sud-ovest del Pakistan. Questo potente sisma ha ucciso almeno 350 persone, secondo il nuovo rapporto fornito ieri dalle autorità locali. Il sisma, secondo l’Istituto americano di osservazione dell’attività geologica (USGS), è stato sentito a Karachi, la più grande città portuale nel sud del Pakistan, e a Nuova Delhi, la capitale indiana. È stato così potente da causare l’innalzamento dal fondo marino di un’isola a circa 600 metri dalla costa, di fronte al porto di Gwadar, sul Mar Arabico. “L’isola è apparsa dopo il terremoto”, ha detto un anziano funzionario locale, aggiungendo che un simile cumulo di roccia era apparso nello stesso luogo circa 60 anni prima, per poi scomparire nuovamente sott’acqua. L’isolotto è lungo 200 metri, largo 100 metri e raggiunge un’altezza di 20 metri, come ha riportato uno scienziato pakistano sul sito web del quotidiano Dawn. Ben tre placche tettoniche (eurasiatica, araba e indiana) sono in contatto in questo settore, che per questo sta vivendo una intensa attività sismica. Forti terremoti sono di casa in questa regione del mondo. Ecco la lista delle scosse più forti registrate in Pakistan negli ultimi tempi:

16 aprile 2013:            7,9 gradi Richter

4 aprile 2013:              5,4 gradi Richter

17 febbraio 2013:       5,5 gradi Richter

29 dicembre 2012:     5,8 gradi Richter

18 luglio 2012:            5,7 gradi Richter

12 luglio 2012:            6,1 gradi Richter

20 gennaio 2011:        7,4 gradi Richter

18 gennaio 2011:        7,2 gradi Richter

18 gennaio 2010:        7,4 gradi Richter

28 ottobre 2008:         6,4 gradi Richter

8 ottobre 2005:           7,6 gradi Richter, il quale causò 80.000 morti e 200.000 feriti.

Via Via