Il cervello di un dormiente risponde come da sveglio

Il cervello di un dormiente risponde come da sveglio



Secondo uno studio pubblicato su Nature Neuroscience, il cervello di una persona addormentata si comporta rispecchiando le reazioni che avrebbe da sveglio, ad esempio in presenza di puzze e profumi. A dei volontari, addormentati, sono state fatte indossare delle maschere nelle quali i ricercatori hanno pompato vari tipi di odori: shampoo e profumi, ma anche carne putrida e pesce marcio. Le reazioni sono state diverse, anche se i soggetti dormivano. In presenza di puzza, il respiro diventava corto e leggero mentre con i profumi era lungo e profondo. Una volta svegliati, annusando gli stessi profumi le reazioni dei soggetti erano identiche a quelle avute nel sonno. Questo sta a significare, secondo i ricercatori, che durante il sonno ci si comporta in base alle nozioni imparate da svegli. Ma ancora non si riesce a capire come poter apprendere cose nuove mentre si dorme. “E’ conoscenza comune che non si possa apprendere nuove nozioni mentre si dorme, anche se il cervello sa fare un sacco di cose mentre la persona è addormentata”, ha detto Anat Arzi, laureata presso il Weizmann Institute of Science in Israele e promotrice dello studio. Gli studiosi sono ora alla ricerca di un uso pratico della loro scoperta, che sperano possa essere utilizzata per far perdere cattive abitudini alle persone. “Ma abbiamo prima bisogno di capire bene dove si trovi il confine tra quello che si può e quello che non si può imparare durante il sonno”, ha detto fiduciosa la dottoressa Arzi.

Via

 

Categorie Scienza