Gatto nero si, gatto nero no

Gatto nero si, gatto nero no



Perché le persone evitano i gatti neri? Questi gatti sembrano essere i meno adottati dalla popolazione in generale. Un team di ricercatori della University of California di Berkeley ha condotto uno studio per cercare di capire la percezione delle persone riguardo ai colori dei gatti. Hanno chiesto agli intervistati di accoppiare cinque colorazioni dei gatti (nero, bianco, arancione, bi-colore, tri-colore) a 10 tratti di personalità (attivo, solitario, esuberante, affettuoso, tranquillo, intollerante, timido, testardo, paziente, addestrabile). Ne è risultato che i gatti a tre colori sarebbero i più amichevoli, poi vengono quelli arancione e quindi i bi-colore. I gatti bianchi sono visti come solitari, distaccati. Ma i gatti neri, comunque, non hanno avuto particolari valutazioni e sono risultati neutri rispetto alle altre tipologie. Perché, allora, la gente fatica ad adottare un gatto nero?

gatto nero 2

Forse è solo superstizione, specie sotto Halloween, ma i ricercatori di Berkeley offrono anche un’altra conclusione: mentre il 94,7 per cento degli intervistati ha dichiarato che la presunta personalità influenza la loro decisione di adottare, questa non sembra essere così determinate. Dopo tutto, valutare la personalità di un gatto solo dal mantello non può essere un metodo infallibile. Il tutto, perciò, si riduce allo sguardo, al colpo d’occhio che fa apprezzare o meno un felino e probabilmente un mantello nero non trasmette quelle attese che la persona si aspetta. Tutto qui.