Etichette alimentari e controllo del peso

Etichette alimentari e controllo del peso



Da un sondaggio svolto dai Centers for Disease Control risulta che le donne americane che leggono le etichette alimentari sono più snelle di quelle che non lo fanno. Si parla, mediamente, di 4 chilogrammi in meno di peso. Il dato scaturisce da più di 25.000 punti di raccolta sparsi negli USA e coordinati dal National Health Interview Survey. Ne risulta che il 49% della popolazione tiene d’occhio l’etichetta alimentare per conoscere, quantomeno, le calorie che si stanno per ingerire. Fra coloro che leggono le etichette, le donne sono in maggioranza col 74% e, fra di loro, sono quelle di razza bianca che prestano più attenzione ed ottengono i migliori risultati. I maschi che controllano gli ingredienti sulle etichette sono però meno interessati al calo di peso e lo fanno più che altro per conoscere la composizione degli alimenti. Ma è già qualcosa. In base ai risultati dello studio, non si può dire che lettura delle etichette e calo di peso non siano collegati ma, ancor più interessante, coloro che si informano su quello che stanno “infornando” assumono piano piano un più corretto stile di alimentazione che porta ad una migliore salute, una silouette più accettabile ed un aumento di positività. La ricerca invita quindi i cittadini a tener presente le etichette alimentari quando si compera un prodotto per non arrivare tra 20 anni, come è previsto altrimenti, ad avere il 40% di americani obesi.
Facciamo tesoro della notizia.

Via