Errore nel restauro dell’Ultima Cena

Errore nel restauro dell’Ultima Cena



Sembra ci sia stato un errore nel restauro dell’Ultima Cena di Leonardo. Parlando con l’Independent, l’esperto mondiale di restauri Michael Daley lamenta una grave inesattezza nell’opera di restauro eseguita tra il 1978 ed il 1999. Ed il mondo dell’arte è ora in allarmi per questa inesattezza. Ma di cosa si tratta? La foto del particolare prima del restauro (quella a sinistra) mostra che il bordo inferiore della manica di Gesù è sopra il tavolo. Nella foto dopo il restauro (quella a destra) si vede che il risvolto della manica non copre più il tavolo ma è oltre il bordo. Michael Daley fa presente che, dopo il dipinto di Leonardo, alcuni suoi allievi lo hanno copiato minuziosamente. Uno di questi lavori, eseguito dal Giampietrino nel 1520, è di proprietà della Royal Academy of Arts di Londra. Daley si dice indignato che, prima del restauro, non sia stato visionato anche quel lavoro. Il professor Pietro Marani, che ha seguito a suo tempo il restauro, ha detto che è possibile che qualche particolare sia diverso dall’originale, come pure che potrebbe aver sbagliato il Giampietrino a copiare il maestro. In ogni caso, ha detto, si tratta di un pezzo di stoffa. Il capolavoro, in effetti, è sopravvissuto a ben altro. I soldati di Napoleone, ad esempio, quando videro la grande pittura nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie la usarono come bersaglio tirando sassi e sterco! Nel 1943 gli aerei alleati sganciarono una bomba sul refettorio; per fortuna la parete col dipinto era stata rinforzata con sacchi di sabbia e non crollò. Ma sappiamo anche che la base dell’affresco non è delle migliori per vincere il tempo e nel corso dei secoli il dipinto si è sbiadito e screpolato. Dopo il restauro ci furono, è vero, molte critiche su come si era cercato di far rivivere le pennellate di Leonardo ma, come si suol dire, nessuno è perfetto.

Via