É morto Michael Duncan, il gigante di “Il miglio verde”

É morto Michael Duncan, il gigante di “Il miglio verde”



Michael Clarke Duncan, attore in dozzine di films e nominato all’Oscar nel 1999 per Il miglio verde, è morto ieri all’età di soli 54 anni a causa di un infarto al miocardio che lo aveva colpito lo scorso 13 luglio e dal quale non si era più ripreso. Era ricoverato al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, assistito dalla fidanzata Omarosa Manigault. Ex guardia del corpo, ha iniziato la carriera di attore quando era trentenne. All’inizio di quest’anno Duncan era apparso in un video per la Peta, l’organizzazione per i diritti degli animali, nel quale dichiarava di essere diventato vegetariano da tre anni e che il cambiamento gli aveva fatto bene. “Ho tolto dal mio frigorifero 5.000 dollari di carne – aveva detto – e sono più sano di prima”. Deve la fama alla sua interpretazione in Il miglio verde, nel quale Tom Hanks era una guardia carceraria degli anni trenta. John Coffey, il personaggio, era un assassino condannato a morte ma che aveva un carattere estremamente dolce ed aveva straordinari poteri di guarigione. La sua interpretazione ha impressionato critica e produttori di Hollywood, che gli hanno dato l’opportunità di apparire in diversi film negli anni a seguire. A fare la sua fortuna è stato Bruce Willis che lo aveva consigliato per Il miglio verde. Hanno poi lavorato assieme in Armageddon. Nato nel 1957 a Chicago, è stato allevato da una ragazza madre che lo ha fatto desistere dal giocare a football. Quando lei si è ammalata, ha lasciato il college ed ha lavorato come buttafuori e ruspista per mantenerla e curarla. Ha poi fatto la guardia del corpo di Will Smith, Jamie Foxx e altre stelle a Los Angeles, fino a quando è stato scelto per Il miglio verde.

Via