Due chili di droga nello stomaco

Due chili di droga nello stomaco



Chili di droga nello stomaco, per la precisione in 180 contenitori di plastica. Sabato scorso i funzionari dell’aeroporto di Dulles (Washinton) si sono insospettiti dopo aver interrogato la signora Bola Adebisi di anni 52. Proveniva da Addis Abeba con un volo della Etiopia Airlines ed aveva fatto scalo a Roma. Ufficialmente era lì per far visita al fratello del quale, però, non sapeva dire né il nome né dove abitasse. È stata sottoposta a radiografia ed è risultato lo stomaco pieno di contenitori. È stata portata all’ospedale dove hanno atteso che espellesse tutti i contenitori: ben 180 ovuli di plastica! Un vero record. L’eroina contenuta, più di 2 chili, ha un valore di circa 115.000 euro. Verrebbe da sorridere, ma questa pratica, che sta prendendo sempre più piede, è altamente pericolosa per la salute. Se uno solo degli ovuli dovesse aprirsi… Il precedente sequestro record di droga, sempre all’aeroporto Dulles, risale allo scorso anno quando un nigeriano di 46 anni è stato sorpreso con 100 ovuli nello stomaco.

Via