Dormire per apprendere

Dormire per apprendere



Studi condotti su 216 bambini fino ai 12 mesi di età dimostrano che questi sono in grado di apprendere meglio nuove nozioni se subito dopo si fanno una bella dormita. Questo significa, per i grandi, quanto sia importante leggere prima di addormentarsi. I ricercatori hanno insegnato a bimbi dai 6 ai 12 mesi alcuni giochi con dei burattini. Metà di loro hanno poi dormito per 4 ore mentre l’altra metà solo una mezzoretta. Il giorno dopo sono stati incoraggiati a ripetere i giochi del giorno prima e quelli che avevano dormito a lungo ricordavano molto meglio di quelli che avevano fatto solo un pisolino. La dottoressa Jane Herbert, del dipartimento di psicologia presso l’Università di Sheffield, ha detto: “Coloro che dormono dopo aver appreso una nuova nozione imparano bene, chi non dorme non imparare niente”. Si era finora ipotizzato, continua Jane, che rimanere svegli fosse meglio, mentre risulta che le azioni che precedono un buon sonno sono le più ricordate. Questo dimostra anche quanto sia utile leggere una favola ad un bambino prima che si addormenti. I risultati mostrano comunque che fa bene dormire dopo aver appreso, non l’essere sonnolenti mentre si apprende. Sembra che il collegamento tra sonno e memoria esista anche in età avanzata, specie con malattie neurodegenerative in atto. Forse un periodo maggiore di sonno potrebbe rinsaldare le memorie rimaste. www.bbc.com