Die hard 5

Die hard 5



L’attore americano Bruce Willis è attualmente in Francia per promuovere “Die hard. Un buon giorno per morire”, la quinta puntata della saga che narra le avventure dell’ispettore John McClane. Ieri sera, accompagnato dalla moglie Emma, ​​è stato nominato Commendatore dell’Ordine delle Arti e delle Lettere dal Ministro della Cultura francese Aurélie Filippetti. L’attore era visibilmente commosso e si è detto “onorato” e contento che in Francia piacciano i suoi film. “Ogni volta che vengo a Parigi mi sento a casa”, ha detto Bruce Willis, “Adoro il mio lavoro, amo questo mestiere che mi consente ancora di divertirmi”. All’inizio della giornata, nel corso di una conferenza stampa per il lancio del suo film, Bruce Willis si è detto pronto a ri-arruolarsi in un nuovo episodio della saga assieme all’attore australiano Jai Courtney, suo figlio nell’ultima versione. Il quinto episodio narra infatti dell’ispettore John McClane che si reca a Mosca per aiutare suo figlio che non vede da tempo, imprigionato, che in realtà è un agente della CIA. Bruce Willis ha detto che ogni puntata lo vede in competizione con se stesso. Gli anni passano; il primo Die hard lo ha girato nel 1988 a 31 anni mentre la quinta puntata lo vede a 57. La FOX, comunque, spera che campi molto a lungo in modo da poter un giorno girare un film che contempli una sua missione sulla Luna.

Via