Dal Mamba nero un antidolorifico migliore della morfina

Dal Mamba nero un antidolorifico migliore della morfina



Il Mamba nero è uno dei serpenti più velenosi e veloci presenti sulla Terra. In Africa è chiamato “7 passi”, perchè sono quelli che, al massimo, riesce ancora a fare chi è morso da questo serpente. Un veleno così potente ha da sempre attirato gli studiosi che ora hanno scoperto, nella sua composizione, una proteina che è anche un potente antidolorifico anche se non hanno la minima idea del perchè il Mamba la produca. La mambalgina, questo è il nome che le hanno dato, sembra avere caratteristiche migliori della morfina, senza gli effetti collaterali che questa porta con se. Il dottor Eric Lingueglia, dell’Istituto di Farmacologia Molecolare e Cellulare presso Nizza, ha dichiarato alla BBC: “Quando è stato testato nei topi, l’analgesico preparato con la mambalgina era forte come la morfina, ma non presentava la maggior parte dei suoi effetti collaterali”. La morfina è un oppioide che agisce sul cervello, ma provoca mal di testa, difficoltà di pensiero, vomito e contrazioni muscolari. L’azione analgesica della mambalgina segue invece un percorso diverso che dovrebbe produrre minori effetti collaterali. Il dolore segue la stessa via nelle cavie e negli uomini, per questo motivo sperano che il nuovo analgesico possa produrre gli stessi effetti riscontrati sugli animali. Sono i primi passi e molte prove dovranno ancora essere fatte sulle cavie prima di valutarne l’uso sull’uomo. Il dottor Nicholas Casewell, un esperto di veleni di serpenti presso la Scuola di Medicina Tropicale di Liverpool, ha commentato lo studio dicendo: “E’ una scoperta emozionante nello studio dei farmaci da veleni. Stiamo parlando di una nuova classe di analgesici”.

Via