Ci distinguerà solo il sesto senso

Ci distinguerà solo il sesto senso



IBM ritiene possibile che entro 5 anni i computers, e quindi i robot, saranno in grado di toccare, gustare, annusare, sentire e vedere. Questa sensazione è emersa nel settimo incontro organizzato dalla IBM e denominato “5 in 5”. Il primo elenco delle innovazioni prevedibili è stato redatto nel 2006. Già nel 2007 aveva previsto che il cellulare sarebbe diventato “il tuo portafoglio, il tuo biglietto da visita, la tua banca, il tuo negozio ecc.”. La previsione può aver preso spunto dalla prima generazione di iPhone, ma non possiamo negare che il tutto si stia avverando. La lista del 2012 è basata sui sensi. I computer possono ormai vedere e sentire per mezzo di telecamere e sofisticati microfoni, ma entro 5 anni si prevede che esisteranno dei touch screen che non solo rispondono al tocco delle nostre dita ma anche restituiscono vibrazioni per simulare certi materiali, come seta o cotone, o annusare il nostro alito per capire se abbiamo il diabete, un tumore o il raffreddore. Praticamente, sempre più caratteristiche “umane”. I prossimi 5 anni saranno idonei a produrre tecnologia super intelligente grazie ad una larga diffusione di reti sensoriali e software intelligenti per interpretare i dati. Sono prospettive eccitanti, ma probabilmente non verranno usati robot per fare quello che già sappiamo fare, ma operazioni a noi interdette. Di questo passo, perciò, anche i robot avranno i 5 sensi come gli umani; ci rimarrà solamente, a distinguerci, il sesto senso?

Via