Casco con ammortizzatori interni

Casco con ammortizzatori interni



Ogni corridore di motocross sa quanto sia importante indossare un buon casco. Il fine di un casco è quello di resistere agli impatti ad alta velocità, ma anche quelli a bassa velocità possono creare traumi. Il casco ATR-1 della 6D monta una serie di ammortizzatori elastomeri studiati per gestire quei colpi, mentre aumentano le difese contro gli impatti alle alte velocità. Solitamente un casco è costituito da un guscio esterno e da un rivestimento interno di schiuma EPS. Per resistere agli impatti ad alta velocità la schiuma deve essere abbastanza dura, ma questo fa sì che si trasmetta gran parte dell’energia alla testa anche durante un impatto morbido. È vero che sono in commercio schiume multi-densità, ma la 6D pensa che la loro idea possa funzionare meglio. L’ATR-1 ha un guscio esterno in fibra di carbonio / kevlar / fibra di vetro al quale aderisce uno strato di schiuma EPS. Un secondo strato di schiuma ricopre il guscio a contatto con la testa. Fra i due strati fanno da distanziatori una serie di ammortizzatori in elastomero. Questi si possono comprimere, allungare o spostarsi in ogni direzione seguendo gli sviluppi dell’impatto. Gli ammortizzatori assorbono gli impatti minori e aiutano contro i danni di rotazione, mentre la schiuma reagisce agli impatti maggiori. In un casco tradizionale, la testa è un tutt’uno col casco. Quando subentra un colpo esterno, la testa segue il movimento del casco creando spesso gravi danni al cervello. Nel caso del ATR-1 viene rallentata la torsione della testa all’interno del casco di quanto basta per evitare danni maggiori. I test hanno dimostrato che l’accelerazione angolare della testa può essere ridotta fino all’81% rispetto ai caschi tradizionali. L’ATR-1 pesa circa 1,5 chilogrammi e costa 745 dollari (circa 570 euro).

 

Via