Buchi da paura

Buchi da paura



I buchi rievocano paure ancestrali. Una volta si riteneva fossero ingressi per gli Inferi. Oggi abbiamo conoscenza del perché esistono, ma fanno pur sempre impressione. Nelle prime due foto possiamo vedere una grande miniera di diamanti, in Siberia, e la relativa città di Mirny natale attorno. È stata scavata dentro la terra anno dopo anno, girone dopo girone. Vista dall’alto si ha proprio l’impressione di una voragine pronta ad ingoiarti, ma se guardiamo la seconda foto l’impressione diventa angoscia. Osservando bene, si nota che il mastodontico camion giallo (ingrandito nel rettangolo) non è altro che un puntino che si arrampica, senza parapetti o altro, su per questo girone dantesco strapiombante sull’Inferno! Questa voragine artificiale, se non altro, è stata creata dall’uomo, ma cosa avranno detto gli abitanti di Guatemala City quando, dopo un periodo di piogge torrenziali, la terra è sprofondata come perforata da una gigantesca trivella? Il fenomeno è naturale e quasi sempre non dà preavvisi. Solitamente si tratta di caverne sotterranee scavate da infiltrazioni d’acqua. Per secoli o millenni continua il logorio, fino a che un bel giorno cede lo strato superficiale e ci si trova davanti ad una voragine. Quella che vediamo nelle altre due foto si è formata nel 2010 in Guatemala, ma i casi sono tantissimi e sulla rete si trovano in abbondanza foto e informazioni. Non c’è che dire: se la scampi, avrai visto qualcosa che varrà la pena di raccontare ai nipoti.